image/svg+xml image/svg+xml Wechat

share

Tavolino

Gio Ponti, 1954/55 - 2012

Il tavolino D.555.1 è stato disegnato da Gio Ponti in più varianti. Il pezzo rieditato faceva parte dell’arredo di casa Ponti in via Dezza a Milano. È realizzato con gambe e griglia metallica verniciata a mano. “I colori delle diverse facce di questo tavolo sono disposti in modo che secondo il verso dal quale si guarda, l’intonazione è diversa. È una tradizione antica, propria degli artisti e degli architetti, creare il gioco dei diversi punti di vista.” (Gio Ponti, “Domus”, 1954).

Design Gio Ponti, 1954/55 - 2012

Design

Gio Ponti

Giovanni Ponti, detto Gio (Milano, 18 novembre 1891 – Milano, 16 settembre 1979), è considerato uno dei maestri dell'architettura italiana, ed è stato anche designer e saggista, tra i più importanti del XX secolo.
Alle grandi opere architettoriniche che portano la sua inconfondibile firma, si affianca una vasta produzione nel settore dell’arredo, come testimoniano anche le sue tre abitazioni milanesi, completamente arredate “alla Ponti”: quella in via Randaccio nel 1925, Casa Laporte nel 1926 in via Brin e l’ultima, nel 1957, in via Dezza, “manifesto” del suo design domestico.

Biografia completa
Gio Ponti

"[...] la maggioranza degli oggetti per la nostra vita, sono oggi creati dall’industria, sono da essa caratterizzati [...]"

Gio Ponti