image/svg+xml image/svg+xml Wechat

share

Libreria

Aldo Rossi, 1994

La libreria Cartesio (1994), riprende nel disegno le tipiche facciate degli edifici “rossiani” composte da finestre quadrate con croce centrale - Centro Fontivegge a Perugia (1982-89); il quartiere di Schuetzen Strasse a Berlino (1992).

Design Aldo Rossi, 1994

E’ composta da scatole cubiche in lamiera verniciata che possono essere aggregate a piacere, rendendola di fatto componibile.

Insieme a Consiglio, Museo e la poltrona Parigi, la libreria Cartesio rappresenta per Aldo Rossi l’idea di ufficio ideale. Nata per gli spazi del Bonnefantenmuseum di Maastricht, Cartesio è composta da scatole cubiche in lamiera verniciata che possono essere aggregate formando librerie di lunghezza variabile. L’effetto finale riprende le facciate tipiche delle architetture “rossiane”, composte da finestre quadrate divise da una croce centrale.

Emblematico di un modo di pensare l’architettura e l’arredo, che applica gli stessi processi progettali alla piccola e grande scala, Cartesio disegna vere e proprie architetture nell’architettura. Le finiture riprendono invece i colori amati da Aldo Rossi quali l’azzurro Madonna e il rosso Cina.

Design

Aldo Rossi

Aldo Rossi (Milano, 3 maggio 1931 – Milano, 4 settembre 1997) è stato uno dei più grandi architetti italiani degli anni Ottanta del Novecento. La collaborazione con il Gruppo Molteni segna il passaggio di Aldo Rossi da magistrale architetto a designer industriale, autore di modelli e arredi per il Museo di Maastricht, il Teatro Carlo Felice di Genova e la ricostruzione del Teatro La Fenice di Venezia. Aldo Rossi ha disegnato oggetti destinati a diventare icone del ‘900.

Biografia completa
Aldo Rossi

"Sarà forse snobismo ma più giro il mondo più avverto di esserne cittadino e più torno a un senso antico delle cose"

Aldo Rossi