Doposcuola scrittorio
Luca Meda, 1991
Doposcuola scrittorio
Luca Meda, 1991

La scuola ha prodotto suoi mobili e suoi oggetti entrati nella fantasia della gente. La scuola si identifica col banco, col posto assegnato, col luogo di lavoro che diventa rifugio o la nicchia che ciascuno si costruisce all’interno dell’aula. A casa, si sa, i ragazzi svolgono i compiti: a casa, il tempo e la logica della scuola hanno una prosecuzione privata.

Doposcuola scrittorio
Luca Meda, 1991
998,66